ORIETTABERTI
Tutti i diritti riservati © Settembre 2005
Diario
Care   amiche   e   cari   amici,      vi   presento   i   miei   due   cagnoloni,   OLIMPIA   (grigia)   ed   OTELLO   (nero),   due   angioletti   che   però   sono   i   veri "padroni   di   casa".   Sono   cani   “corso”,   hanno   3   anni,   e   sono   arrivati   a   casa   nostra   grazie   a   mio   figlio   Omar.   Erano   gli   ultimi   due rimasti   di   una   cucciolata   di   un   suo   amico,   e   non   potendo   più   tenerli   perché   aveva   altri   cani,   chiese   ad   Omar   se   li   voleva,   a   patto che   li   prendesse   tutti   e   due,   perché   essendo   fratelli   non   voleva   dividerli.   Mio   figlio,   sapendo   che   da   poco   era   scomparso   il   nostro OTTO   (il   cagnolone   che   avevamo   prima)   ci   fece   una   sorpresa   ed   arrivò   a   casa   con   questi   due   cucciolotti.   Ricordo   ancora   quando solcarono   la   porta   di   casa,   erano   felicissimi,   euforici   e   curiosi   di   tutto.   Si   adattarono   subito,   tanto   che   il   primo   anno   per   gioco   e per   allenare   i   dentini,   distrussero   tutte   le   porte   del   piano   terra   e   due   divani.   Crescono   bene,   sono   sempre   giocherelloni   ma anche   molto   gelosi   del   loro   territorio,   sembrano   due   guardie...   dopotutto   è   il   loro   istinto,   però   con   noi   sono   tanto   affettuosi   e comprensivi...   a   volte   sembra   veramente   che   "gli   manchi   solo   la   parola".   Come   diceva   il   grande   Totò,   "i   cani   sono   angeli   con l'allegria   dei   bambini,   che   danno   tutto   senza   chiedere   nulla   in   cambio";   ed   è   proprio   vero,   l'amore   e   l'affetto   incondizionato   che trasmettono è qualcosa di unico.
Questa   invece   è   la   Susanna   (soprannominata   "Botero",   per   le   forme   simili   alle   sculture   dell'artista   colombiano),   una   gatta dolcissima   e   sofisticata.   Anche   lei   era   piccolissima   quando   arrivò   nella   nostra   casa,   si   nascose   nella   siepe   per   non   farsi   catturare dal   nostro   cucciolo   di   cane   corso   di   allora,   Otto.   La   "Botero"   ha   proprio   quell'indolenza   felina   che   affascina,   sempre   alla   ricerca di un comodo posto dove poter osservare dall'alto il mondo che la circonda... godendosi così il tempo che passa.
Adesso   vi   presento   "la   principessa"   della   nostra   casa,   ALICE   (soprannominata   "Bugica"),   è   una   gattina   incredibile,   affettuosissi- ma,   curiosissima   e   con   una   capacità   di   interagire   con   le   persone   fuori   dal   comune...come   si   dice   in   gergo   "le   manca   solo   la   pa- rola".   Per   certi   versi   è   proprio   vero,   è   dolcissima   ed   ha   una   capacità   empatica   grandissima   nei   confronti   di   tutti   noi   in   casa.   La sua   storia   è   incredibile   come   lei;   la   trovai   in   una   fattoria   nei   pressi   di   Guastalla   qualche   anno   fa.   Mi   trovavo   lì   insieme   a   mio   fi- glio   e   al   caro   amico   Giordano   Ghini   (fornaio)   per   registrare   il   filmato   " I   Biscotti   dell'Orietta ".   Dopo   le   riprese   decisi   di   visitare quella   fattoria   che   stava   non   lontano   dal   luogo   dove   giravamo,   ed   entrando   nell'aia   venni   accolta   da   una   trentina   tra   gatti   e   ca- ni   che   erano   di   proprietà   della   famiglia.   In   lontananza,   in   una   piccola   ciotola   di   mangime   per   galline   vidi   spuntare   due   orecchie nere   ed   un   musino   furbo   che   mai   scorderò.   Era   Alice   che   essendo   allora   la   più   piccola   del   gruppo,   denutrita,   ammalata   e   piena   di zecche,   era   stata   allontanata   dagli   altri   perché   debole.   Appena   la   vidi   mi   spaventai,   era   magrissima,   sembrava   un   foglio   di   carta, con   quel   suo   musino   e   quella   sua   curiosità   sfrenata   venne   subito   verso   di   me   trotterellando...non   scorderò   mai   quei   suoi   occhi dolci   ed   innocenti   di   un   cucciolo   in   difficoltà   che   però   non   perde   la   voglia   e   la   speranza   di   vivere.   Cosi   la   presi   in   braccio   e convinsi   subito   il   proprietario   della   fattoria   a   lasciarmela   perché   era   ovvio   che   in   quelle   condizioni   da   lì   a   poco   sarebbe   potuta morire,   per   il   freddo,   per   la   denutrizione,   per   malattia.   Durante   il   viaggio   verso   casa,   in   macchina,   si   addormentò   subito   tra   le mie   braccia   come   un   bambino.   Alla   prima   visita   veterinaria   le   riscontrarono   una   zampina   rotta,   la   coda   fratturata   in   due   parti, la   malnutrizione   e   la   bronchite.   Oggi   sta   benissimo   e   vive   con   noi   in   casa;   è   lei   che   viene   a   darci   la   buonanotte   tutte   le   sere   nel letto   ed   il   buongiorno   al   mattino.   Forse   proprio   per   aver   sofferto   cosi   tanto   da   piccola   è   cosi   straordinariamente   dolce   ed   affet- tuosa.
Ecco   a   voi   "il   gatto   più   bello   del   mondo"   (per   me   naturalmente),   è   il   mio   Freddy,   che   pesa   quasi   9   kg.   E'   un   "trovatello"   come   tutti i   miei   gatti.   Ricordo   quando   lo   trovammo   era   piccolo   piccolo,   sembrava   un   batuffolo   di   cotone,   e   con   il   tempo   è   diventato   un gattone mastodontico, affettuoso ed elegante.
Infine,   vi   presento   la   nuova   arrivata   della   nostra   casa,   CECILE   (o   anche   "Cecilia").   Cecile   ha   poco   più   di   6   mesi   ed   è   una   gattina energica,   curiosa   e   molto   "giocherellona".   Non   smette   mai   di   correre,   di   saltare   e   di   "stuzzicare"   gli   altri   gatti,   è   fantastica. L'abbiamo   trovata   nel   mese   di   luglio,   in   provincia   di   Parma,   durante   una   cena   con   i   cari   amici   Beppe   Camorali,   Walter   Marazzi   ed il   prof.   Giuliano   Nidi.   Era   stata   abbandonata   proprio   davanti   a   casa   di   Beppe,   che   non   poteva   tenerla   perché   era   incompatibile con   il   suo   cane,   cosi   decisi   di   non   abbandonarla   e   la   presi   io.   Per   ambientarsi   e   fare   conoscenza   con   Freddy,   Sussanna   ed   Alice   ci mise   30   secondi,   l'accolsero   bene   e   già   da   subito   divenne   "la   Diva"   della   casa.   Con   quella   sua   coda   gonfia   e   con   quei   suoi   occhi teneri trasmette serenità e gioia a tutti... senza perdere la voglia di scoprire il mondo che la circonda.
A sinstra, un momento di “relax” tra Cecile e Alice. A destra, Orietta è con Alice e Susanna.
2016: Ottobre I miei amici a quattro zampe
2016: Ottobre I miei amici a quattro zampe
2016: OTTOBRE I miei amici a quattro zampe