Come ogni biografia che si rispetti, anche quella di Orietta dovrebbe incominciare con i soliti dati anagrafici ma, considerato il fatto che si tratta di un personaggio che gode da anni di grande popolarità, ci occuperemo direttamente della sua brillante carriera, rimandando comunque ogni particolare alle corrispettive sezioni del sito.
1958. Orietta in una delle sue prime esibizioni pubbliche 1964. In sala d’incisione durante la registrazione di “Dominique” 1964. Orietta nei giorni del “Festival di Pesaro” 1966. La prima partecipazione al “Festival di Sanremo” 1968. Orietta mostra orgogliosa il suo secondo disco d’oro 1969. La prima partecipazione a “Senza rete” 1970. Con Macario e Alda Grimaldi, regista de “La cugina Orietta” 1970. Gruppo di finalisti a  “Canzonissima” 1971. Durante la serata finale di “Canzonissima” 1974. Il terzo posto al “Festival di Sanremo” 1975. Orietta, Osvaldo e il loro primogenito Omar 1977. Una scena del film “I nuovi mostri”
1981. Con i figli Omar  e Otis 1989. Un’immagine di Orietta con il marito Osvaldo Paterlini
Orietta   Berti   nasce   artisticamente   nel   1961   quando,   dopo   una   lunga   gavetta   fatta   di   studio   ed   esibizioni   in   vari   locali dell’Emilia,   partecipa   alla   prima   manifestazione   canora   ufficiale   “Il   disco   d’oro”   indetta   dall’ENAL   di   Reggio   Emilia.   La sua   personale   interpretazione   de   “Il   cielo   in   una   stanza”   (brano   lanciato   con   enorme   successo   l’anno   prima   da   Mina), le   fa   conquistare   il   primo   posto   ex-aequo   con   un’altra   debuttante   che   avrà   anch’essa   grande   successo   negli   anni   a venire:   Iva   Zanicchi.   Durante   le   varie   serate,   si   alternano   tra   pubblico   e   giuria   parecchi   autori   e   discografici,   tra   i   quali Giorgio   Calabrese   che,   rimasto   estasiato   dalla   splendida   voce   di   Orietta,   la   propone   alla   Karim   (una   piccola   etichetta milanese    che    ha    lanciato    tra    gli    altri    Fabrizio    De    André)    per    alcuni    provini.    La    Berti    incide    una    serie    di    brani sudamericani   in   voga   in   quel   periodo,   come   “Franqueza”   e   “Triste   deception”,   ma   è   proprio   con   un   pezzo   di   Calabrese che   viene   stampato,   nel   febbraio   del   1962,   il   suo   primo   45   giri:   “Non   ci   sarò”.   Questo   disco,   edito   in   poche   migliaia   di copie,   sembra   che   non   sia   mai   stato   distribuito   ufficialmente,   così   come   il   secondo   singolo   “Se   non   avessi   più”,   dello stesso   anno.   Dopo   questa   deludente   esperienza,   sempre   tramite   Giorgio   Calabrese,   Orietta   ottiene   un   contratto   con la   multinazionale   tedesca   “Phonogram”   la   quale,   su   etichetta   “Polydor”,   pubblica   nel   1963   il   45   giri   con   “Serenata suburbana”    e    “I    nostri    momenti”.    Nonostante    lo    scarso    riscontro    commerciale,    il    disco    viene    spesso    diffuso radiofonicamente   permettendo   così   alla   melodiosa   voce   di   Orietta   di   entrare   pian   piano   nelle   case   della   gente.   Nei primi   mesi   del   1964,   la   “Phonogram”   decide   di   affidare   alla   Berti   la   versione   italiana   di   “Dominique”,   brano   di   Jeanine Dekers   una   suora   belga   che   si   cela   sotto   lo   pseudonimo   di   Soeur   Sourire   (Suor   Sorriso),   col   quale   ha   già   spopolato   in gran   parte   del   mondo   ma   non   in   Italia.   La   pubblicazione   di   questo   nuovo   disco   apre   ad   Orietta   le   porte   della   tv:   la canzone   viene   infatti   lanciata   durante   una   trasmissione   televisiva   RAI   dedicata   alla   Pasqua.   Grazie   anche   ad   un discreto   riscontro   popolare,   la   notorietà   di   Orietta   è   in   una   fase   tale   da   spingere   Silvio   Gigli   ad   includerla   come   ospite fissa   nella   sua   popolare   trasmissione   radiofonica   “Sorella   radio”.   In   estate   esce   il   singolo   contenente   “Tutto   è   finito fra   noi”   e   “Vai   Bobby,   vai”   (cover   di   “Run   Bobby,   run”),   brano   quest’ultimo   con   il   quale   partecipa   alla   manifestazione canora   “Notturno   al   lido   di   Venezia”   e,   tra   le   altre,   al   “Festival   di   Pesaro”.   In   autunno   la   “Phonogram”   mette   in commercio   il   terzo   45   giri   dell’anno   con   “Perdendoti”   (traduzione   di   “Losing   you”,   brano   noto   nell’interpretazione   di Brenda   Lee)   e   “Scorderai”   (cover   di   “Stay   awhyle”   lanciata   in   America   da   Dusty   Springfield).   L’anno   seguente,   il crescente   successo   di   questa   ragazza,   che   nel   frattempo   è   stata   soprannominata   “la   cantante   della   dolcezza”,   spinge la   “Phonogram”   ad   includerla   tra   i   partecipanti   alla   manifestazione   radiofonica   “Un   disco   per   l’estate”   con   un   brano di   Alberto   Anelli   dal   titolo   “Tu   sei   quello”.   Orietta   supera   brillantemente   tutte   le   eliminatorie   vincendo   a   pieno   titolo la   gara.   Da   questo   momento   la   sua   carriera   non   conosce   più   confini:   nell’autunno   dello   stesso   anno   partecipa   al “Festival   delle   rose”   con   “E’   troppo   facile”   (mai   pubblicato   su   disco)   e   un   altro   brano   di   Anelli   “Voglio   dirti   grazie”   con   il quale   vince   la   manifestazione.   Pubblica   un   intero   33   giri   (il   primo   della   sua   discografia)   con   le   canzoni   di   Suor   Sorriso. Il   1966   si   apre   con   la   sua   prima   partecipazione   al   “Festival   di   Sanremo”   nel   quale,   inizialmente,   avrebbe   dovuto presentare   il   brano   di   Umberto   Bindi   “Non   ti   scorderò”,   sostituito   poi   con   la   splendida   “Io   ti   darò   di   più”   di   Memo Remigi.    Poiché    in    quel    periodo    al    festival    ogni    brano    veniva    proposto    da    due    interpreti    non    necessariamente appartenenti   alla   stessa   scuderia   discografica,   la   Berti   si   trova   a   dover   condividere   il   suo   pezzo   con   la   ben   più   nota collega   Ornella   Vanoni.   Le   due   donne   si   classificano   prime   nell’eliminatoria   e   seste   nella   serata   finale.   Al   “Disco   per l’estate”    partecipa    con    un    brano    di    Pallavicini    dedicato    agli    emigranti,    dal    titolo    “Quando    la    prima    stella”    che purtroppo,   però,   non   accede   alla   finale.   Questa   sconfitta   non   le   nuoce   minimamente,   tanto   che,   subito   dopo,   vince   il “Festival    di    Lugano”    con    la    splendida    “Ritorna    con    il    sole”.    Prende    parte    a    numerose    puntate    dello    spettacolo televisivo   “Settevoci”   condotto   da   Pippo   Baudo,   aggiudicandosi   il   titolo   di   rivelazione   dell’anno.   In   autunno   è   tra   i partecipanti   di   “Scala   reale”   nella   squadra   capitanata   da   Little   Tony,   nella   quale   interpreta   “Tu   sei   quello”   in   una versione   diversa   dalla   stessa   edita   su   disco.   Il   1967   si   apre   con   la   seconda   partecipazione   a   Sanremo,   che   però,   oltre che   per   il   grande   successo   personale,   sarà   ricordata   dalla   stessa   Orietta   per   il   fatto   che   il   suo   brano   “Io,   tu   e   le   rose” (interpretato   anche   dai   Compagnons   de   la   chanson)   sarebbe   stato   citato   in   un   fantomatico   biglietto   lasciato   dal cantautore   Luigi   Tenco   suicidatosi   (secondo   la   tesi   ritenuta,   ad   oggi,   ufficiale)   durante   il   festival.   Nonostante   ciò,   la canzone   di   Orietta   si   classifica   quinta,   vince   i   referendum   popolari   di   due   importanti   settimanali,   “Oggi”   e   “Tv   sorrisi e   canzoni”   e   conquista   la   “Medaglia   d’oro   di   TV   Illustrazione”   quale   brano   più   votato   di   “Sanremo   ‘67”.   In   estate partecipa   nuovamente   al   “Disco   per   l’estate”   con   la   splendida   e   struggente   “Solo   tu”   (8°   posto)   composta   per   lei   da Federico   Monti   Arduini,   musicista   noto   con   il   nome   de   “Il   guardiano   del   faro”.   Dopo   la   pubblicazione   del   suo   terzo album   composto   da   cover   ed   inediti   che   ha   per   titolo   semplicemente   “Orietta   Berti”,   in   autunno   partecipa   per   la seconda   volta   al   “Festival   delle   rose”   ancora   con   un   pezzo   firmato   da   Monti   Arduini:   “Io   potrei”,   nel   quale   Orietta   tira fuori    una    grinta    non    comune,    classificandosi    nella    prima    serata    al    secondo    posto.    Subito    dopo    prende    parte    a “Partitissima”   nella   squadra   di   Claudio   Villa,   interpretando   “Io   tu   e   le   rose”   in   una   versione   arrangiata   per   l’occasione ed   in   ottobre,   alla   Terrazza   Martini   di   Milano,   riceve   il   suo   primo   Disco   d'oro.   Nel   1968   è   impegnata   nuovamente   in numerose   manifestazioni   canore   tra   le   quali   il   “Festival   di   Sanremo”   in   cui   interpreta   “Tu   che   non   sorridi   mai” (eseguita   pure   da   Piergiorgio   Farina)   esclusa   dalla   finale,   “Un   disco   per   l’estate”   dove   la   sua   “Non   illuderti   mai”   (1° nella   prima   serata)   si   piazza   al   secondo   posto,   il   “Festivalbar”   con   la   medesima   canzone   e   “Canzonissima”,   nella   quale conquista   il   quarto   posto   con   “Se   m’innamoro   di   un   ragazzo   come   te”   scritta   per   lei   da   Toto   Savio.   Soprattutto   grazie alle   notevoli   vendite   del   disco   “Non   illuderti   mai”,   intanto,   le   era   stato   consegnato   il   secondo   Disco   d’oro.   All’inverno 1968   risale   anche   la   prima   esperienza   cinematografica   di   Orietta:   sull’onda   del   successo   della   sigla   di   “Canzonissima”, è   chiamata   ad   interpretare   il   ruolo   di   Suor   Teresa   nel   film   “Zum,   zum,   zum”   ed   in   una   scena   canta   l’intero   brano “Dominique”.   Nel   frattempo   la   Polydor   pubblica   il   33   giri   “Dolcemente”,   una   raccolta   di   successi   contenente   gli   inediti “Io   e   te”   e   “Volano   le   rondini”.   L’anno   successivo   torna   a   “Sanremo”   (10°   posto)   dove   però   la   sua   partecipazione   al festival   sarà   ricordata   più   per   l’abito   che   indossa   che   per   il   brano   che   canta,   la   splendida   “Quando   l’amore   diventa poesia”   (con   la   seconda   esecuzione   di   Massimo   Ranieri).   Disegnato   dalla   stilista   Mila   Schön,   il   vestito   lascia   a   bocca aperta   il   pubblico   poiché   la   fantasia   a   strisce   nere,   bianche   e   gialle,   alla   tv   in   bianco   e   nero,   ha   una   resa   decisamente infelice!   L’eco   è   tale   che,   nella   popolare   trasmissione   “Doppia   coppia”,   il   grandissimo   Alighiero   Noschese   ne   fa   una parodia   straordinaria   imitando   la   cantante   indossando   un   abito   uguale!   In   estate   la   sua   nuova   canzone   “L’altalena” viene  presentata al  “Festivalbar” e  a  “Un disco per l’estate”,  nel quale si classifica terza.  A fine  stagione riprende il
Il   successo   di   Orietta   è   ormai   inarrestabile   e,   nel   febbraio   del   ’70,   per   la   quinta   volta   consecutiva   torna   a   “Sanremo” presentando   un   valzer   di   Pace   e   Panzeri   (autori   che   hanno   firmato   i   suoi   più   grandi   successi)   dal   titolo   “Tipitipitì”   (8° posto).   Subito   dopo   il   festival,   esce   il   suo   quinto   33   giri   che   comprende   una   raccolta   dei   più   recenti   brani   pubblicati su   45   giri,   più   l’inedita   “Cento   secoli”.   Conquista   il   terzo   posto   al   “Disco   per   l’estate”   con   quella   che   sarà   un   po’   la colonna   sonora   della   sua   carriera   “Fin   che   la   barca   va”.   Il   testo   del   pezzo   scomoda   non   pochi   critici   e   giornalisti,   che l’accusano   di   essere   addirittura   una   qualunquista.   A   luglio   è   protagonista   assoluta   di   uno   spettacolo   televisivo   Rai titolato    “La    cugina    Orietta”    nel    quale,    oltre    a    cantare    le    sue    canzoni    più    note,    si    cimenta    in    fantasie    di    brani internazionali   e   d’operetta,   ospitando   tra   l’altro   grandi   personaggi   dello   spettacolo   come   Erminio   Macario,   Françoise Hardy,   Caterina   Caselli   e   molti   altri.   A   “Canzonissima”   porta   in   finale   l’allegra   “Ah,   l’amore   che   cos’è”   abbinata   nel   45 giri   a   “Ma   ti   penso   sai”,   sigla   della   trasmissione   di   Radio   Montecarlo   “Pensando   a   te”.   Nel   1971,   a   causa   di   una controversia   tra   l’organizzazione   del   “Festival   di   Sanremo”   e   la   Phonogram   (la   quale   ritira   dalla   gara   tutti   i   cantanti appartenenti   alla   propria   scuderia),   Orietta   si   vede   costretta   a   cedere   il   suo   brano”L’ora   giusta”   a   due   debuttanti   che malauguratamente   non   accedono   neanche   alla   finale.   Qualche   tempo   dopo,   la   Polydor   pubblica   ugualmente   il   disco con   il   brano   nella   versione   della   Berti   che,   ottenuto   un   buon   riscontro   commerciale,   fa   da   traino   al   sesto   33   giri   della cantante    intitolato    “Orietta”    e    contenente    canzoni    recenti    e    note    del    suo    repertorio.    In    primavera    prende nuovamente   parte   al   “Disco   per   l’estate”,   dove   porta   in   finale   “Via   dei   ciclamini”,   un   brano   apparentemente   facile   ma che   tratta   in   realtà   il   tema   della   prostituzione.   Dalle   mani   di   Paolo   Villaggio   riceve   ancora   un   Disco   d’oro,   il   terzo   della sua   carriera.   Alla   “Mostra   internazionale   di   musica   leggera   di   Venezia”,   Orietta   si   presenta   con   un   bellissimo   brano   di Lorenzo Pilat dal titolo “Ritorna amore” che, nonostante si discosti notevolmente dal repertorio "leggero" degli ultimi anni,   riscuote   un   ottimo   successo.   In   autunno   è   tra   i   protagonisti   di   “Canzonissima   ‘71”,   presentata   ancora   una   volta dall’accoppiata   Corrado-Carrà.   Nelle   semifinali   interpreta   la   citata   “Ritorna   amore”   ed   una   personalissima   versione di   “Alla   fine   della   strada”,   brano   che   avrebbe   dovuto   presentare   a   “Sanremo   ‘69”,   sostituita   poi   con   “Quando   l’amore diventa    poesia”.    Il    pezzo    viene    pubblicato    come    retro    del    singolo    “Città    verde”,    canzone    con    la    quale    Orietta conquista   la   finalissima   di   questa   edizione   di   “Canzonissima”.   Il   1972   si   apre   per   Orietta   con   un’amara   delusione:   il suo   pezzo   “Stasera   ti   dico   di   no”   viene   infatti   scartato   dalla   commissione   selezionatrice   del   XXII°   festival   di   Sanremo in   quanto   giudicato   di   fattura   ormai   superata.   Ma   la   rivincita   è   alle   porte:   inclusa   tra   i   partecipanti   al   “Disco   per l’estate”,   la   stessa   canzone   conquista   il   2°   premio   nella   finalissima,   sbaragliando   così   tutte   le   altre   colleghe   in   gara!   Di nuovo   presente   alla   “Mostra   internazionale   di   musica   leggera   di   Venezia”,   interpreta   uno   dei   brani   più   belli   della   sua intera   produzione   discografica:   “Ancora   un   po’   con   sentimento”.   Il   pezzo   viene   messo   in   commercio   abbinato   a   “Per scommessa”,   che   tratta   lo   scottante   ed   attuale   tema   della   “donna-oggetto”.   Esce   sul   mercato   “Più   italiane   di   me”,   un album    con    canzoni    folk    della    tradizione    italiana    del    ‘700,    che    rimane    a    tutt’oggi    il    suo    33    giri    più    venduto. Nell’edizione   1972\1973   di   “Canzonissima”   (condotta   questa   volta   da   Pippo   Baudo   e   Loretta   Goggi),   Orietta   presenta una   sua   versione   di   “Eternamente”,   classico   internazionale   su   musica   del   grande   Charlie   Chaplin,   “Ancora   un   po’   con sentimento”   ed   in   finale   “E   lui   pescava”,   un   brano   che   la   stessa   Berti   non   ha   mai   amato,   il   cui   titolo   è   la   metafora   del tradimento.   L’anno   successivo   vede   Orietta   impegnatissima   in   una   serie   di   concerti   all’estero   come   Giappone   e   Stati Uniti;   qui,   tra   l'altro,   si   esibisce   al   Madison   Square   Garden   di   New   York.   Registra   per   la   tv   lo   special   “Stasera   ti   dico   di no”   nel   quale,   oltre   ad   interpretare   i   suoi   più   grandi   successi,   racconta   le   varie   fasi   della   propria   carriera   e   vita   di donna   comune.   Come   di   consueto,   partecipa   al   “Disco   per   l’estate”   con   “La   ballata   del   mondo”   che,   purtroppo,   non accede   alla   finale   e   prende   parte   ad   una   puntata   di   “Senza   rete”,   nella   quale   ci   regala   una   splendida   versione   dal   vivo di    “Ancora    un    po’    con    sentimento”.    La    Polydor    pubblica    l’album    “Cantatele    con    me”,    ricco    anch’esso,    come    il precedente,   di   canti   popolari   italiani.   Dopo   l’estate,   prende   parte   alla   nuova   edizione   di   “Canzonissima”   (presentata da   Pippo   Baudo   e   Mita   Medici),   che   per   la   prima   volta   nella   storia   della   tv   viene   trasmessa   la   domenica   pomeriggio. In   semifinale   porta   “Quando   l’amore   diventa   poesia”   e   “Ancora   un   po’   con   sentimento”;   registra   il   provino   di   “Alle porte   del   sole”   in   lizza   per   la   finale,   brano   affidato   invece   a   Gigliola   Cinquetti,   che   vincerà   la   manifestazione   a   pieni voti.    Orietta,    con    la    sua    “Noi    due    insieme”,    conquista    un    onorevole    quarto    posto    che    la    lascia    comunque amareggiata.   Nel   1974,   dopo   ben   quattro   anni   di   assenza,   torna   a   “Sanremo”   con   la   bellissima   “Occhi   rossi   (tramonto d’amore)”.   Pur   conquistando   il   terzo   posto   dietro   alla   Zanicchi   (che   vince   l’edizione   con   “Ciao   cara,   come   stai?”)   e   a Modugno,   non   sale   sul   podio   perché   in   questa   edizione,   dopo   il   primo   classificato,   vengono   considerati   tutti   secondi a   pari   merito!   Purtroppo,   così,   l’unico   piazzamento   “d’onore”   ottenuto   da   Orietta   al   “Festival   di   Sanremo”   rimane nell’ombra.   In   autunno,   dopo   la   pubblicazione   dell’album   “Così   come   le   canto”   (ultimo   della   fortunata   trilogia   folk), partecipa    alla    “Gondola    d’oro    di    Venezia”    con    “La    moglie    fedele”    e    “La    bella    giardiniera    tradita    nell’amor”, quest'ultima   presentata   anche   alle   semifinali   di   “Canzonissima   ‘74”.   In   questa   manifestazione   (la   cui   edizione   a   causa di   alcuni   problemi   legati   a   votazioni   truccate,   concluderà   la   serie)   arriva   in   finale   con   un   bellissimo   brano   che sostituisce   all’ultimo   momento   “Vita   della   vita   mia”,   dal   titolo   “Il   ritmo   della   pioggia”.   Il   1975   per   Orietta   si   rivela   un anno   magico:   riesce   finalmente   a   portare   a   termine   la   sua   prima   gravidanza   diventando,   il   3   agosto,   mamma   di   un bimbo   che   chiama   Omar.   Produce   l’album   “Eppure...   ti   amo”,   ricco   di   splendidi   best-sellers   internazionali   rivisitati   in chiave   melodica,   tra   i   quali   “Foglie   morte”,   “Ieri   si”   e   la   splendida   “Eternamente”   (dal   film   "Luci   della   ribalta"   di Charlie   Chaplin).   Con   “Eppure   ti   amo”,   partecipa   ancora   una   volta   a   “Un   disco   per   l’estate”,   unica   manifestazione   che la   vede   in   gara   poco   prima   di   partorire.   L’anno   successivo,   Orietta   è   impegnata   nella   realizzazione   di   uno   dei   dischi più   belli   della   sua   intera   produzione   discografica:   “Zingari...”   .   Frutto   di   faticose   ricerche   sia   storiche   che   musicali, rimane   a   tutt’oggi   una   delle   migliori   perfomance   artistico-culturali   della   discografia   italiana.   Orietta   interpreta   le canzoni   con   una   intensità   emotiva   non   comune,   fondendo   il   testo   con   la   melodia   e   riuscendo   a   non   far   perdere all’ascoltatore   il   contatto   con   il   vero   significato   del   brano,   così   come   nel   caso   de   “Il   canto   del   sudore”   o   “Mamma   di un   angelo”,   quest’ultima   quasi   un’autobiografia   degli   anni   passati.   Nel   1977   Orietta   prende   parte   al   film   “I   nuovi mostri”   girando,   per   la   regia   di   Ettore   Scola,   l’episodio   “L’uccellino   della   Val   Padana”   insieme   ad   Ugo   Tognazzi.   Quasi contemporaneamente,   la   Polydor   pubblica   il   45   giri   “La   nostalgia”,   brano   che   la   Berti   esegue   all’inizio   del   sopra   citato film.   L’anno   dopo   Orietta   è   impegnata   principalmente   in   spettacoli   dal   vivo   all’estero,   che   la   portano   dalla   Russia   al Canada fino al Giappone,  tenendola lontana  non poco dal  suo amato pubblico italiano.  Nonostante ciò,  non manca
all’appuntamento   annuale   riguardante   la   pubblicazione   di   un   nuovo   singolo   che   presenta   per   l’occasione   a   “Domenica   in...”.   Prende   parte   inoltre   al   film   di Giancarlo   Santi   “Quando   c’era   Lui...   caro   Lei!”,   una   parodia   sul   fascismo   con   Paolo   Villaggio,   nel   quale   interpreta   nientemeno   che   donna   Rachele Mussolini!   Per   Rai2      registra   una   puntata   del   programma   “Come   mai-Speciale”   dal   titolo   "Incontri   ravvicinati   a   Piumazzo,   provincia   di   Modena"   in   cui interpreta   il   ruolo   di   una   cantante   melodica   che   viene   assassinata   sul   palco   durante   un’esibizione,   per   mano   di   alcuni   giovani   contestatori.   L'anno   dopo, la   Polydor   mette   in   commercio   l'album   "Pastelli",   una   raccolta   dei   suoi   più   recenti   successi,   con   l'aggiunta   di   3   inediti   e   una   nuova   versione   de "L'amoroso", già incisa nel 1974.
ruolo   di   Suor   Teresa   per   il   film   "Zum,   zum,   zum   n.   2",   nel   quale   interpreta   "Ogni   strada".   Torna   a   “Canzonissima”   sbaragliando   tutte   le   colleghe   e rimanendo, nella finalissima, l’unica donna in gara con “Una bambola blu”.
Dal   1979   al   1983,   Orietta   realizza   esclusivamente   una   serie   di   dischi   per   bambini,   partendo   dalla   colonna   sonora   della serie   televisiva   “Barbapapà”   interpretata   in   coppia   con   Claudio   Lippi,   continuando   con   “La   balena”   (sigla   di   “Fuori due”    abbinato    alla    Lotteria    Italia),    fino    a    “La    barca    non    va    più”    presentata    al    “Festival    di    Sanremo”    ’81, clamorosamente   tra   le   “nuove   proposte”.   La   scelta   di   questo   repertorio   coincide   con   la   seconda   gravidanza   di   Orietta che,   a   febbraio   del   1980,   diventa   nuovamente   mamma   di   un   altro   maschietto   chiamato   Otis,   in   onore   del   grande musicista   jazz   Otis   Redding   che   Orietta   ha   sempre   ammirato.   A   febbraio   del   1982,   torna   a   Sanremo   con   delle   bambine vestite   da   majorette   al   seguito,   inspiegabilmente   ancora   tra   le   “nuove   proposte”   nella   cui   sezione   le   fa   compagnia   il grande   Claudio   Villa:   presenta   “America   in”   (ultimo   firmato   dal   duo   Pace\Panzeri),   brano   poco   consono   alle   mode musicali   del   periodo,   che   non   accede   alla   finale.   Conclude   la   parentesi   di   canzoni   dedicate   al   mondo   dell’infanzia “Tagliatelle”,   che   fa   da   sigla   ad   una   rubrica   di   cucina   all’interno   di   “Domenica   in...”.   Diventata   produttrice   di   se   stessa, nell’autunno   del   1984   torna   alla   grande   in   tv   partecipando   alla   trasmissione   televisiva   “Premiatissima   ‘84”   in   onda   su “Canale   5”,   nella   quale   interpreta   sei   brani   tratti   dal   repertorio   di   altri   artisti   tra   i   quali   “Se   stasera   sono   qui”   di   Tenco e   “Io   che   amo   solo   te”   di   Endrigo.   A   fine   anno   esce   per   la   Ricordi   il   33   giri   “Le   mie   nuove   canzoni”   contenente   otto brani   inediti   composti   da   Umberto   Balsamo   e   che   segnano   l’inizio   di   una   fortunata   collaborazione   artistica   tra   lei   e   il cantautore     siciliano.     L’anno     successivo     vede     Orietta     impegnata     in     diverse     partecipazioni     televisive     atte principalmente   a   promuovere   il   nuovo   Lp.   Con   l’avvicinarsi   del   “Festival   di   Sanremo”,   a   gennaio   1986   vengono   resi pubblici   i   nomi   dei   partecipanti,   della   cui   rosa   fa   parte   a   sorpresa   anche   Orietta   che   porta   in   gara   uno   splendido brano   di   Balsamo   e   Raggi   dal   titolo   “Futuro”,   un   talismano   per   la   paura   della   guerra   che   aleggia   in   quel   periodo.   Con   i voti-cartoline   del   Totip,   la   Berti   si   piazza   al   sesto   posto,   sbaragliando   artisti   del   calibro   di   Loredana   Berté   e   Zucchero. Subito   dopo   il   festival,   esce   nei   negozi   il   nuovo   album   che   porta   il   titolo   del   brano   sanremese   e   contiene   altri   otto pezzi   inediti   sempre   di   Umberto   Balsamo.   Con   uno   di   essi,   e   precisamente   “Senza   te”,   conquista   il   4°   posto   nella puntata   finale   di   “Premiatissima   ‘86”   e   torna   dopo   parecchi   anni   in   superclassifica.   Nell’88,   viene   annunciata   la   sua partecipazione al “Festival di Sanremo” con il brano “Italia” ma, all’ultimo momento, la canzone viene affidata a Mino
Reitano   che   ne   fa   una   versione   marcatamente   popolare.   L’ascolto   del   brano   da   parte   dei   fans   della   cantante,   fa   ringraziare   loro   il   cielo   (nonostante   la   sua esclusione)   per   non   averla   interpretata   lei.   La   mancata   promozione   del   pezzo   da   parte   della   Berti   dovuta   a   precedenti   accordi,   induce   la   cantante   ad agire   legalmente   contro   gli   interessati   così   che   nel   1996,   dopo   aver   vinto   la   causa,   il   danno   le   sarà   risarcito.   Nel   1989,   tenta   nuovamente   la   carta   di Sanremo   presentando   alle   selezioni   il   brano   “Tarantelle”,   una   denuncia   contro   le   magagne   dei   politici   di   turno.   Il   testo   viene   giudicato   dalla   commissione selezionatrice   troppo   provocatorio,   per   cui   le   viene   chiesto   di   modificarlo.   Orietta,   piuttosto   che   far   perdere   alla   canzone   il   vero   significato,   preferisce rinunciare   al   festival   inserendo   il   brano   in   versione   originale   nel   nuovo   album   autunnale   “Io   come   donna”,   che   chiude   la   fortunata   collaborazione   con Balsamo.
ORIETTABERTI
Tutti i diritti riservati © Settembre 2005
Biografia