Il   13   agosto   è   venuto   a   mancare   un   carissimo   amico   Padre   Ugolino   Vagnuzzi,   lasciando   un   vuoto   grande nella   vita   mia   e   dei   miei   famigliari.   Padre   Ugolino   era   uno   di   famiglia   per   noi,   un   caro   amico,   una   persona meravigliosa   e   un   grande   uomo   di   fede   e   di   grande   cultura.   Per   me   ed   Osvaldo   è   stato   una   guida spirituale,   un   esempio   di   fede,   di   vita   e   un   grande   compagno   di   viaggio.   È   stato   proprio   Ugolino   in   qualità di   frate   francescano   a   battezzare   i   nostri   figli,   e   con   lui   oltre   ad   una   amicizia   fraterna   abbiamo   anche intrapreso    viaggi    ed    esperienze    umane    indimenticabili...    In    Madagascar    nel    1972    per    portare    aiuti umanitari   alla   missione   che   aiutava   le   tribù   Merina   colpite   dalla   lebbra,   a   Fatima   nel   '70   quando   in   visita al   Santuario   incontrammo   la   sorella   di   Lucia   (una   dei   3   pastorelli   e   testimoni   di   Fatima),   a   Lourdes   in pellegrinaggio,   ad   Assisi   alla   Porziuncola,   alla   chiesa   di   Ogni   Santi   a   Firenze,   a   La   Verna   al   Santuario   di   San Francesco...viaggi   e   luoghi   che   hanno   rappresentato   tanto   per   tutta   la   mia   famiglia.   Padre   Ugolino   aveva una   energia   e   una   positività   tanto   grande   da   essere   contagiosa...   e   la   sua   saggezza,   il   suo   rispetto,   la   sua voglia   di   conoscere   e   di   confrontarsi   erano   un   esempio   per   tutti   coloro   che   hanno   avuto   la   fortuna   di conoscerlo.   Caro   Padre   Ugolino   mi   mancherà   quella   tua   vitalità   che   ogni   mese   durante   le   nostre   abituali telefonate trasmettevi con il tuo affetto e il tuo sorriso. Ciao Padre Ugolino e grazie per tutto quello che ci hai insegnato!  Orietta e famiglia
Oggi   è   stata   una   giornata   molto   triste   per   me   e   per   i   miei   famigliari,   perché   abbiamo   perso   un   amico...il caro   Stefano   Raina.   Stefano   era   un   ragazzo   eccezionale,   un   uomo   buono,   un   bravo   musicista   e   un   grande professionista.   Quanti   ricordi,   quante   tournée   all’estero   e   quanti   tour   in   Italia   abbiamo   fatto   insieme   in tutti   questi   anni!   Canada,   Belgio,   Malta,   Stati   Uniti   e   poi   il   nostro   paese   che   abbiamo   rivisto   in   lungo   e   in largo   durante   i   tour   estivi.   Da   venti   anni   lavoravamo   insieme   e   Stefano   era   uno   dei   punti   di   riferimento del   nostro   gruppo   di   lavoro.   Un   gruppo   fatto   di   persone,   di   amici   con   cui   abbiamo   condiviso   tante emozioni,   tanti   viaggi   e   tantissimi   applausi.      Quanta   gente   abbiamo   incontrato…   quanti   viaggi,   fatti   di notti   insonni,   di   coincidenze   aeree,   di   caffè,   di   imprevisti   e   di   risate!   Ogni   concerto,   ogni   volta   che   siamo saliti   sul   palco   abbiamo   condiviso   insieme   quel   brivido,   quella   tensione,   quella   gioia   nell’EMOZIONARE   il pubblico…nel   condividere   con   loro   le   emozioni   di   un   concerto,   di   una   “festa”   che   ogni   sera   si   ricreava grazie   alla   magia   della   musica   e   dell’arte.   Il   tuo   sorriso,   la   tua   positività   e   la   tua   vitalità   rimarranno   sempre nei nostri cuori come un ricordo indelebile. Ciao caro Stefano! Orietta Berti, Osvaldo Paterlini e famiglia .
Care   amiche   e   cari   amici,   stamane   ho   appreso   la   tristissima   notizia   della   scomparsa   del   caro   Fabrizio Frizzi,   un   amico   e   una   persona   meravigliosa.   Con   la   sua   umanità,   il   suo   garbo,   la   sua   educazione   ed   il rispetto   contagiava   tutti.   Attraverso   la   sua   cordialità   vera,   sincera   ed   autentica   era   diventato   un   amico   e un   famigliare   per   tutti   noi,   sia   per   coloro   che   hanno   avuto   la   fortuna   di   incontrarlo   sia   per   il   pubblico   che gli   ha   sempre   voluto   bene.   Abbiamo   lavorato   insieme   tante   volte   e   ricorderò   sempre   la   sua   positività,   la gioia   ed   il   sorriso   che   metteva   sempre   in   ogni   programma   tv,   in   ogni   evento   benefico,   in   ogni   incontro della   vita.   Nell’ambiente   dello   spettacolo   fatto   di   tanta   competizione   e   a   volte   di   invidie,   Fabrizio   è   sempre stato   un   vero   signore,   un   vero   gentiluomo   con   tutti.   Il   suo   garbo   e   la   sua   umiltà   erano   sintomo   di   grande forza,   di   grande   personalità   e   di   esempio   anche   per   una   società   come   quella   di   oggi   che   a   volte   è   troppo “poco   rispettosa   del   prossimo”   e   dei   valori   altrui.   Con   Fabrizio   se   ne   va   un   grande   professionista   della   Tv, un grande uomo e una persone veramente per bene. Ciao caro Fabrizio! Orietta Berti
Cari   amici,   oggi   è   un   giorno   molto   triste   per   me   perché   è   mancato   un   caro   amico…Bibi   Ballandi.   Con   Bibi ci   conoscevamo   da   50   anni,   ci   incontrammo   (poco   più   che   ventenni)   agli   inizi   della   mia   carriera   quando lavoravamo   con   suo   padre   Iso.   Io   ed   Osvaldo   avevamo   appena   intrapreso   questo   mestiere   a   metà   degli anni   ’60   con   i   primi   successi…   e   Bibi,   come   noi,   iniziava   a   muovere   i   “primi   passi”   nel   ruolo   di   road manager   per   l’agenzia   del   padre.   Eravamo   dei   pionieri   in   un   settore,   quello   della   musica   e   della   tv,   tutto da   inventare   e   da   scoprire.   Da   allora   nacque   una   bellissima   e   vera   amicizia   che   ci   ha   sempre   legati   in   tutti questi   anni.   Quanti   concerti,   quante   tournée   all’estero,   quante   trasmissioni   Tv,   quanti   spettacoli   e   quanti ricordi   abbiamo   vissuto   insieme…   una   vita!   Bibi   amava   il   suo   lavoro   e   rispettava   tutti,   con   grande   umanità e   con   quel   suo   buonumore   contagioso.   Bibi   era   un   grande   produttore,   un   grande   manager,   un   grande professionista,   ma   soprattutto   una   persona   per   bene,   un   vero   signore   che   con   il   suo   sorriso,   la   sua   ironia e   la   sua   leggerezza   trasmetteva   grande   fiducia   a   tutti.   E’   stato   davvero   uno   dei   pilastri   e   dei   protagonisti del mondo della tv e dello spettacolo degli ultimi 5 decenni. Ciao caro Bibi! Orietta Berti
Che    triste    notizia    la    scomparsa    di    Paolo    Villaggio,    ci    siamo    incontrati    tante    volte    nelle    trasmissioni    tv    dal   1965   ad   oggi,   da   quando   presentava   i   suoi   personaggi   Kranz   e   Fracchia   in   programmi   Rai   come   “Senza Rete”,   “Domenica   In”,   e   ultimamente   a   Mediaset   per      “Domenica   live”.   Ci   siamo   sempre   dati   del   “lei”   e ricordo   i   suoi   modi   gentili   ed   educati   che   teneva   nei   miei   riguardi.   Insieme   recitammo   anche   in   un   film “Quando   c’era   lui…   caro   lei!”,   una   commedia   satirica   molto   ironica,   di   Giancarlo   Santi   del   1978.   Villaggio era   un   genio   della   comicità   e   della   tragedia,   i   suoi   personaggi   hanno   rappresentato   le   paure,   le   ingiustizie e   i   difetti   di   tante   generazioni   ma   anche   la   loro   leggerezza   e   la   bontà   d’animo;   generazioni   che   sono cresciute   insieme   a   lui,   insieme   alle   sue   risate.   I   personaggi   da   lui   creati,   tanto   nel   cinema   come   nella letteratura, fanno parte indiscutibilmente della storia del nostro paese. Grazie sig. Villaggio!

Fabrizio Frizzi (26 marzo 2018)

Oggi    è    un    giorno    molto    triste    per    me,    per    tutti    i    miei    familiari    e    per    tanti    che    hanno    ricevuto    la    brutta   notizia   della   scomparsa   del   nostro   caro   amico   Paolo   Limiti.   Paolo   non   è   stato   solo   un   grande   uomo di   spettacolo,   grande   paroliere,   autore   impeccabile,   ed   elegante   presentarore   in   tv,   ma   era   una persona   positiva,   garbata   e   curiosa   di   tutto,   che   trasmetteva   la   sua   passione,   la   sua   curiosità,   il   suo talento   e   la   sua   gioia   a   tutti.   Ho   tanti   bellissimi   ricordi   insieme   a   lui,   che   mi   portano   alla   mente   la stima,   l'affetto,   la   condivisione   di   tante   passioni   e   la   condivisione   di   tanti   valori   della   vita.   Dalle passioni   per   Los   Angeles   (per   Hollywood,   dove   spesso   ci   ritrovavamo   con   tanti   cari   amici),   per   il cinema,   per   il   collezionismo,   ai   tanti   ricordi   sulla   musica   e   sulla   tv   che   inevitabilmente   incrociavano sempre   i   nostri   percorsi   professionali   e   privati;   al   rispetto   per   il   prossimo,   alla   sensibilità   e   alla franchezza,   tutti   lati   caratteriali   che   condividevamo.   Grazie   a   Paolo   (autore   del   testo)   e   alla   cara Giovanna   Nocetti   (autore   della   musica)   devo   il   bellissimo   brano   "Dietro   un   grande   amore",   che   ha dato   anche   il   titolo   al   mio   ultimo   progetto   discografico.   Proprio   con   "le   sue   parole"   voglio   ricordarlo... Ciao   Paolo!
Quando   abbiamo   appreso   la   tristissima   notizia   della   scomparsa   del   carissimo   amico   Tommaso   Labranca, io    e    la    mia    famiglia    siamo    rimasti    sconvolti    ed    increduli,    sentendoci    vicini    nel    dolore    alla    sua    cara mamma,   alla   sorella   Angela   e   a   tutti   i   suoi   famigliari.   Tommaso   era   un   geniale   autore,   uno   scrittore   libero, fuori   dagli   schemi   e   un   grandissimo   intellettuale,   ma   ancor   prima   era   per   me   e   per   la   mia   famiglia   un caro    amico,    una    persona    splendida,    un    grande    confidente,    un    VERO    AMICO…    un    amico    con    cui conversare   e   riflettere   su   tutto.   La   sua   capacità   di   leggere   la   società,   nei   suoi   cambiamenti   e   nelle   sue forme   era   una   vera   fonte   di   ispirazione   per   tutti   coloro   che   hanno   avuto   la   fortuna   di   conoscerlo.   Ci incontrammo    tanti    anni    fa    per    il    programma    tv    “Anima    mia”    e    tra    noi    nacque    subito    una    amicizia incredibile,   un   feeling   che   lo   condusse   a   scrivere   da   autore   il   mio   libro   biografico   “La   Vita   secondo Orietta”.   Tommaso   era   una   persona   SPECIALE,   un   PURO,   un   GRANDE   e   in   tantissimi   (non   solo   nel   mondo della cultura e dello spettacolo) sentiremo la sua mancanza. Ciao Tommaso non ti dimenticheremo mai.

Tommaso Labranca (29 agosto 2016)

Paolo Limiti (27 giugno 2017)

Paolo Villaggio (3 luglio 2017)

Bibi Ballandi (15 febbraio 2018)

Stefano Raina (6 aprile 2018)

Padre Ugolino Vagnuzzi (13 agosto 2018)

ORIETTABERTI
Tutti i diritti riservati © Settembre 2005
Ricordo di…