ORIETTABERTI
Tutti i diritti riservati © Settembre 2005
Diario
2016: MARZO Ospite della manifestazione “Due voci e una chitarra”
Grande successo e standing ovation per ORIETTA BERTI ospite della manifestazione “Due voci e una chitarra”
2016: Marzo Ospite della manifestazione “Due voci e una chitarra”
2016: Marzo Ospite della manifestazione “Due voci e una chitarra”
Tanti   applausi   hanno   salutato   Orietta   Berti,   prima   ospite   di   un’edi- zione   che   Marino   Bartoletti   ideatore   e   conduttore   della   kermesse   e Franca   Dini,   organizzatrice   della   rassegna   hanno   voluto   declinare interamente    al    femminile.    Il    teatro    comunale    di    Pietrasanta    l’11 marzo   ha   ospitato   la   prima   serata   di   “Due   Voci   e   una   Chitarra”.   Una serata   fatta   di   emozioni,   canzoni,   applausi   scroscianti   e   standing ovation,   preludio   alle   successive   serate   in   calendario   con   altre   due grandi   signore   della   musica:   Iva   Zanicchi   il   15   aprile   e   Gigliola   Cin- quetti   il   6   maggio.   Intelligente,   ironica,   dolce   e   soprattutto   coerente con   se   stessa   e   con   il   suo   talento,   "l’usignolo   di   Cavriago"   si   è   rac- contato   di   fronte   a   una   platea   gremita   di   persone.   Due   ore   intense di   aneddoti,   momenti   di   vita   personale,   storie,   retroscena   che   han- no   segnato   gli   oltre   50   anni   di   carriera   che   la   "capinera   dell’Emilia" festeggia   proprio   quest’anno.   Ma   soprattutto   di   musica   e   canzoni, cantante   con   la   tecnica   e   la   passione   proprie   dei   veri   professionisti e   quel   talento   straordinario   che   è   la   sua   splendida   voce.   "Volevo   di- ventare   una   maestra   d’asilo   oppure   fare   la   hostess   –   ha   raccontato Orietta   Berti   -   invece   mio   papà   amava   molto   la   musica   lirica,   si   sen- tiva   un   tenore   mancato   perché   aveva   dovuto   sospendere   gli   studi per   aiutare   la   famiglia   e   riversò   tutta   la   sua   passione   su   di   me.   Ave- vo   poco   più   di   sette   anni   e   lui   mi   portava   già   a   fare   della   audizioni: voleva   che   diventassi   un   soprano,   ma   la   mia   voce   era   ovviamente troppo   acerba.   In   seguito,   quando   mio   papà   venne   a   mancare,   ho iniziato   a   frequentare   da   sola   i   concorsi   di   musica   leggera.   Volevo dargli   questa   soddisfazione.   Fu   così   che   poi   incontrai   il   mio   pigma- lione   Giorgio   Calabrese".   Così   è   iniziato   il   racconto   di   Orietta   Berti, guidato   dalle   domande   di   Marino   Bartoletti,   elegante   e   competente Maestro   di   cerimonia   che   come   sempre   è   riuscito   a   trasformare   il teatro   di   Pietrasanta   in   un   salotto   intimo   e   amichevole.   "Il   successo per   me   è   stata   una   cosa   assolutamente   inaspettata.   Non   ho   mai fantasticato e non mi sono mai  illusa troppo  nella vita. Ricordo che
nel   ’65,   arrivata   alla   stazione   di   Reggio   Emilia   da   Saint   Vincent,   trovai   un   sacco   di   gente.   Pensai:   guarda   quanta   gente,   ma   erano tutti   i   miei   amici,   tutto   il   mio   paese   che   era   venuto   alla   stazione   a   prendermi.   Avevo   vinto   il   disco   per   l’estate   ed   è   lì   che   comincia- va   l’avventura".   "Poi   -   ha   proseguito   -   ho   avuto   la   fortuna   di   andare   a   fare   un   provino   in   una   casa   discografica   dove   nello   staff   non c’era   neppure   un   italiano,   erano   tutti   tedeschi.   Loro   volevano   una   cantante   che   cantasse   la   vera   melodia   italiana.   I   miei   produtto- ri   facevano   ascoltare   le   canzoni   agli   operai   della   fabbrica   della   Philips   in   Germania   e   poi   gli   chiedevano   quali   erano   quelle   piaciute di   più.   Facevano   una   specie   di   sondaggio.   Del   resto   i   miei   produttori   erano   tedeschi   e   ragionavano   con   la   testa   più   che   con   il   cuore. Mi   hanno   sempre   consigliata   bene,   ma   dietro   di   me   c’era   sempre   mio   marito   Osvaldo   che   mi   ha   sempre   supportata.   Un   marito,   un amico,   un   protettore   che   è   sempre   al   mio   fianco   così   come   i   miei   figli   Omar   e   Otis".   E   poi   le   partecipazioni   a   Sanremo   insieme   ad Ornella   Vanoni   nel   1966   e   a   Massimo   Ranieri   nel   1969.   Un   racconto   intervallato   dalle   tante   belle   canzoni   che   hanno   segnato   la   car- riera   di   Orietta:   “Tu   vo’   fa’   l’americano”,   “Tu   sei   quello”,   i   brani   di   Suor   Sorriso,   “Io   ti   darò   di   più”,   “Quando   l’amore   diventa   poesia” incisa   recentemente   dal   Volo,   fino   ad   arrivare   agli   anni   ’70   con   due   canzoni   estremamente   significative,   “Fin   cha   la   barca   va”   e “Via   dei   ciclamini”,   brano   apparentemente   leggero   che   affronta   però   un   tema   importante   come   quello   della   prostituzione.   E   poi ancora   “Grande,   grande,   grande”   e   l’emozionato   omaggio   a   Luigi   Tenco   con   “Se   stasera   sono   qui”   e   a   Sergio   Endrigo   con   “Io   che amo   solo   te”.   In   sala   tra   i   tanti   ospiti   e   sponsor   della   manifestazione   c’era   anche   il   sindaco   di   Pietrasanta   Massimo   Mallegni   primo ad   alzarsi   per   accogliere   con   una   emozionante   standing   ovation   la   commovente   interpretazione   de   “Il   nostro   concerto”.   Una   car- riera   quella   di   Orietta   Berti,   lunga   50   anni   e   raccolta   in   un   cofanetto   contenente   ben   109   canzoni   insieme   all’inedito   “Dietro   un grande   amore”   che   dà   anche   il   titolo   all’album.   "Con   questa   canzone   dopo   50   anni   di   carriera   ho   fatto   il   mio   primo   video   musicale. Lo   hanno   fortemente   voluto   fare   dei   ragazzi   bravissimi   che   lavorano   con   Jovanotti   e   Laura   Pausini.   E   a   metà   mese   ne   farò   anche un   altro.   Amo   il   mio   mestiere   e   non   ho   intenzione   di   fermarmi".   Le   serate   di   Due   voci   e   una   Chitarra   sono   sostenute   dal   comune   di Pietrasanta   e   promosse   dalla   Fondazione   Versiliana   con   il   coordinamento   del   direttore   artistico   Massimiliano   Simoni   nell’ambito del progetto S.T.Art Grandi Eventi. (Fonte principale: luccaindiretta.it )
A sinistra, Marino Bartoletti intervista Orietta; a destra, la cantante durante una delle esibizioni
Da sinistra: Massimo Mallegni (Sindaco del comune di Pietrasanta), Orietta Berti, Marino Bartoletti e Franca Dini, organizzatrice della manifestazione.