ORIETTABERTI
Tutti i diritti riservati © Settembre 2005
Diario
2014: APRILE La partecipazione al “Gay e lesbian festival”
“Ho   partecipato   con   molto   piacere   a   questo   evento   del   TGLFF   perchè   è   un   esempio   a favore   dei   diritti   civili   di   tutti,   di   ognuno   di   noi,   indipendentemente   da   come   uno   la   pensi, è   un   segno   di   libertà   e   rispetto   che   va   a   contrastare   l’omofobia   e   i   pregiudizi   che   spesso vengono    utilizzati    nei    confronti    di    coloro    che    hanno    deciso    di    dichiarare    la    propria omosessualità.   Non   tocca   a   noi   giudicare   il   prossimo,   quello   che   possiamo   fare   è   vivere nel   rispetto   altrui   (del   prossimo),   riconoscendo   i   pregi,   le   sensibilità,   le   intelligenze   di ognuno di noi, questo penso sia il vero significato di comunità e del vivere insieme”.  
2014: Aprile La partecipazione al “Gay e Lesbian Film Festival”
2014: Aprile La partecipazione al “Gay e Lesbian Film Festival”
Orietta a spasso per Torino, con il Direttore del GLFF Giovanni Minerba
L’arrivo di Orietta al Multisala Cinema Massimo. A destra, mentre autografa una copia del 45 giri “Ritornerà da me”
In queste immagini, Orietta con Luca Cassiani (Presidente della V° Commissione Cultura della città di Torino)
A sinistra, Orietta rilascia un’intervista. A destra, viene accompagnata al Multisala Cinema Massimo da Giovanni Minerba
Orietta Berti con Ugo Nespolo (Presidente del Museo del Cinema), Giovanni Minerba e Piero Fassino (attuale Sindaco di Torino)
L’arrivo di Orietta in sala
La Berti viene accolta sul palco da Giovanni Minerba e Angelo Acerbi (curatore del GLFF)
Una breve presentazione di Giovanni Minerba
Alcuni momenti dell’esibizione di Orietta
La Berti, in platea, con Ambra Angiolini (a sinistra) e Vladimir Luxuria
Orietta, dietro le quinte, con Carlo Gabardini e Giovanni Minerba
1. Da sinistra Ambra Angiolini, Giovanni Minerba, Carlo Gabardini e Orietta Berti 2. Sempre da sinistra, Michele Coppola (assessore regionale alla cultura), Giovanni Minebra, Orietta Berti e Piero Fassino (Sindaco del Comune di Torino)
1. Il Sindaco di Torino, Piero Fassino, stringe la mano ad Orietta. 2. La cantante con Giovanni Minerba ed il regista spagnolo Miguel Ferrari
Orietta lascia il teatro, salutata, a sinistra, da Giovanni Minerba
ORIETTA BERTI: LIBERTA’ E RISPETTO CONTRO L’OMOFOBIA E I PREGIUDIZI DI OGNI GENERE
   Torino, 30 aprile 2014          La   cantante   dalla   voce   cristallina   sarà   oggi   ospite   dell’inaugura- zione   della   29°   edizione   del   Torino   Gay   &   Lesbian   Film   Festival. "Non   tocca   a   noi   giudicare   il   prossimo,   ma   riconoscere   i   pregi,   le sensibilità,   le   intelligenze   di   ognuno".   Orietta   Berti.   Punto.   Si   po- trebbe   iniziare   e   finire   così,   perché   racchiuso   in   un   nome   ed   un   co- gnome   che   non   hanno   bisogno   di   presentazioni   c’è   tutto   un   mon- do,   che   inizia   alla   O   di   Orietta   e   potrebbe   non   finire   mai   di   sorpren- derti.   Imprevedibile   e   concreta,   Orietta   Berti   ha   fatto   per   tutta   la   vi- ta   quello   che   le   sembrava   opportuno,   senza   mai   adeguarsi   a   quel- lo   che   i   mezzi   di   comunicazione,   il   periodo   o   la   moda   del   momento avrebbero voluto: fedele a se stessa, sempre e comunque.    La   cantante   dalla   voce   cristallina   e   dal   sorriso   accogliente che   nel      giugno   2015   festeggerà   50   anni   di   carriera,   interprete   di successi   che   il   pubblico   non   si   stanca   di   richiedere,   sarà   oggi   ospi- te   dell’inaugurazione   della   29°   edizione   del   Torino   Gay   &   Lesbian Film   Festival   (dal   30   aprile   al   6   maggio).   Una   partecipazione   an- nunciata    dal    festival    con    le    parole    scritte    dalla    stessa    Orietta. “Parteciperò   con   molto   piacere   a   questo   evento   del   Tglff   perché   è un   esempio   a   favore   dei   diritti   civili   di   tutti,   di   ognuno   di   noi,   indi- pendentemente   da   come   uno   la   pensi.   È   un   segno   di   libertà   e rispetto   che   va   a   contrastare   l’omofobia   e   i   pregiudizi   spesso   uti- lizzati   nei   confronti   di   coloro   che   hanno   deciso   di   dichiarare   la   pro- pria   omosessualità.   Non   tocca   a   noi   giudicare   il   prossimo,   quello che   possiamo   fare   è   vivere   nel   rispetto   degli   altri,   riconoscendo   i pregi,   le   sensibilità,   le   intelligenze   di   ognuno   di   noi:   questo   penso sia il vero significato di comunità e del vivere insieme”    Nel   2014,   dopo   anni   di   battaglie,   è   ancora   necessario   e- sporsi in prima persona per la tutela dei diritti di ciascuno?    “Si,   bisogna   ancora   battere   il   pugno,   perché   molta   gente   è ancora   sorda,   e   questa   sordità   risiede   nella   paura   e   nell’indifferen- za.   Forse   un   po’   più   nell’indifferenza,   perché   questa   è   una   società in   cui   si   è   distanti   uno   dall’altro,   ciascuno   pensa   al   proprio   bene   e basta.   Una   società   cattiva,   direi,   in   cui   non   si   fa   niente   per   il   pros- simo o addirittura per un amico che cade in disgrazia”.    Suo   marito   Osvaldo   e   la   sua   famiglia   sono   sempre   stati molto   importanti   per   lei,   che   opinione   ha   delle   famiglie   arco- baleno?   “Io   con   Osvaldo   ho   trovato   tutto.   Le   famiglie   arcobaleno   le vedo   con   grande   simpatia.   Ho   tantissimi   amici,   coppie   omosessu- ali,   che   vivono   insieme   o   si   sono   sposati.   Sono   stata   di   recente testimone   a   un   matrimonio   gay,   altri   amici   invece   si   sono   sposati   a Los Angeles,   ma   io   ero   via   per   lavoro:   altrimenti   avrei   fatto   un’altra volta   da   testimone.   Vedo   amore   e   grande   rispetto   fra   loro.   Ottenen- do   diritti,   dovranno   affrontare   anche   importanti   doveri,   e   mi   auguro che   nei   momenti   di   difficoltà,   che   nella   vita   ci   sono   sempre,   quando capita   che   il   sentimento   cambi   o   si   affievolisca,   possano   sempre mantenere il sentimento di amicizia, di rispetto e conforto”.    Lei è anticonformista, oppure semplicemente libera?    “Sono   molto   libera,   sì.   Ho   sempre   scelto   tutto   quello   che   ho fatto,   nel   rispetto   degli   altri.   Se   mi   andava   di   fare   una   cosa   l’ho   fat- ta,   e   ho   sempre   mantenuto   la   parola   data,   anche   quando,   magari, un   progetto   non   si   rivelava   entusiasmante   come   sembrava   all’ini- zio.   Ma   questa   è   anche   una   questione   di   carattere,   e   di   come   uno cresce e vive in famiglia”.    Nel   lavoro,   ma   anche   nella   vita   privata:   il   suo   matrimo- nio    è    stato    celebrato    dopo    due    anni    di    convivenza    more uxorio,   per   esaudire   un   desiderio   della   sua   mamma,   che   è   sta- ta   accontentata   solo   nel   1967.   Ed   erano   anni,   quelli,   in   cui   la convivenza non veniva vista di buon occhio…    “Osvaldo   non   voleva   lasciare   il   suo   lavoro,   all’epoca   il   suc- cesso   ti   travolgeva   e   improvvisamente   dovevi   apparire   in   tv,   esibirti in   radio…   Io   facevo   serate   dappertutto   e   lui   mi   accompagnava! Ad un   certo   punto   dovevo   partire   per   una   tournée   in   America   che   du- rava   un   mese,   con   Claudio   Villa,   e   mia   mamma   ha   detto   “se   vi sposate,   va   bene.   Se   no   annullate   la   tournée:   non   andrete   in   giro da   soli   per   un   mese”.   Osvaldo   ha   obiettato   che   eravamo   in   Quare- sima, ma la mamma ha replicato “fa lo stesso!”.    Si   sente   un   esempio,   per   aver   fatto   scelte   che   potremmo definire controcorrente?    “(ride) Io mi sento molto normale!”.    Può definire “normale”?    “Vede,   è   tutta   questione   di   logica.   Se   si   desidera   qualcosa che   non   si   può   avere,   si   sta   male   per   tutta   la   vita.   C’è   gente   che immagina,   e   pretende,   di   essere   bellissima   oppure   ricca   o   intellet- tuale,   e   dimentica   di   vivere   la   propria   vita.   Io   invece   mi   accontento di quello che ho avuto e di quello che ho, e sono felice sempre”.
Foto di Dario Gazziero, Elena Canta, Francesca Gemmino e Roberta Sassone
IL VIDEO DELL’ESIBIZIONE DI ORIETTA BERTI AL GLFF 2014