ORIETTABERTI
Tutti i diritti riservati © Settembre 2005
Diario
2008: NOVEMBRE Pagina promozionale del cofanetto “Gli anni della Polydor”
2008: Novembre Pagina promozionale del cofanetto “Gli anni della Polydor”
2008: Novembre Pagina promozionale del cofanetto “Gli anni della Polydor”
Questo   cofanetto,   vuole   essere   non   solo   un   omaggio   ad   una   delle   più   belle   voci   del   panorama   musicale   italiano,   ma   anche   un’oc- casione,   per   chi   ha   avuto   modo   di   apprezzare   l’Artista      in   tempi   recenti,   di   scoprire      la   parte   più   significativa   del   suo   repertorio   iniziale. cc
La   carriera   di   Orietta   Berti,   esplosa   nel   1965   con   la   vittoria   a   “Un   disco   per   l’estate”,   è   ancora   oggi   in   pieno   fer- mento.   Dotata   di   un’estensione   vocale   non   comune   e   di   un   gusto   interpretativo   sempre   sobrio,   efficace   ed espressivo,   nel   corso   degli   ultimi   anni,   la   cantante   ha   avuto   modo   di   farsi   apprezzare   non   solo   per   un’in- telligente   ricerca   musicale   che   le   ha   permesso   di   spaziare   attraverso   vari   generi,   ma   anche   per   le   sue   doti   di grande   comunicatrice,   estrinsecate   nei   ruoli   di   attrice   brillante   e   di   ironica   conduttrice   tv.   Attraverso   i   dischi di   questo   prezioso   cofanetto,   è   possibile   ripercorrere   per   intero   i   primi   15   anni   di   carriera   di   questa   poliedrica Artista,   che   ha   saputo   oltrepassare   l’avvento   di   mode   diverse,   accompagnando   con   coerenza   il   pubblico   negli inevitabili    mutamenti    del    gusto    musicale,    senza    mai    stravolgere    la    sua    personalità    artistica,    riuscendo piuttosto   a   dare   un   significativo   contributo   alla   costruzione   della   colonna   sonora   degli   ultimi   quarant’anni   di vita   del   nostro   Paese.   Tutto   questo   conservando   sempre   quella   semplicità   e   quella   coerenza   che   hanno   fatto   di lei   un   personaggio   amatissimo   da   un   pubblico   altamente   variegato.   Con   la   Polydor,   Orietta   ha   realizzato   circa duecento    canzoni,    alcune    delle    quali    sono    diventate    veri    e    propri    classici    della    musica    leggera    italiana. mmmmm
Il   primo   cd   comprende   il   periodo   che   va   dal   1963   al   1966   e   si   apre   proprio   con   i   due   brani che    compongono    il    primo    45    giri    edito    dalla    Polydor:    Serenata    suburbana    e    I    nostri momenti    (Nos-sos    momentos),    due    pezzi    sudamericani    interpretati    rispettivamente    da Dalva   De   Andrade   ed   Elizeth   Cardoso.   Seguono   i   successi   Dominique   (primo   singolo   con   le canzoni   di   Suor   Sorriso),   Tu   sei   quello   (vincitrice   di   Un   disco   per   l’estate   1965),   Voglio   dirti grazie   (primo   posto   al   Festival   delle   rose   1965),   Ogni   strada   (altro   brano   di   Suor   Sorriso inserito   anche   nel   film   Zum,   zum,   zum,   n.   2)   e   Io   ti   darò   di   più   (Festival   di   Sanremo   1966), qui   anche   in   versione   spagnola   (Yo   te   daria   mas),   inedita   per   l’Italia.   Delle   vere   e   proprie rarità    mai    pubblicate    fino    ad    oggi    su    cd    so-no    Tutto    è    finito    fra    noi,    Vai,    Bobby    vai, Perdendoti   (cover   di   Losing   you   cantata   da   Brenda   Lee,   qui   nella   rarissima   versione   inserita nel   33   giri   Italy’s   incomparable   del   1966,   pubblicato   solo   negli   USA),   Scorderai   (Stay   awhile grande   successo   di   Dusty   Springfield),   Se   per   caso   (tradu-zione   della   hit   di   Lesley   Gore   No more   tears),   Le   ragazze   semplici,   La   mia   musa,   Dove,   non   so   (nella   versione   originale   del 1966)   e   La   prima   lettera   d’amore.   Completano   il   disco   ben   cinque   inediti,   tutti   datati   1965: Un’ora   e   poi,   Prima   che   finisca   l’amore,   E   se   tra   poco,   La   ragazza   di   un’estate   e   Sorella   Adele, scartata in extremis dall’album Orietta Berti canta Suor Sorriso.
Serenata    suburbana/I    nostri    momenti/Dominique/Tutto    è    finito    fra    noi/Vai,Bobby,    vai/Perdendoti/Scorderai/Tu    sei    quello/Se    per caso/Un’ora   e   poi/Voglio   dirti   grazie/Le   ragazze   semplici/Prima   che   finisca   l’amore/E   se   tra   poco/La   mia   musa/sorella   Adele/Ogni strada/La ragazza di un’estate/Dove,non so/Io ti darò di più/La prima lettera d’amore/Yo te daria mas
Il   secondo   cd   comprende   il   periodo   che   va   dal   1966   al   1968.   Il   primo   brano   Le   ore   del   sole,   è stato   pubblicato   solo   in   Spagna   con   il   titolo   Trouble   galore;   la   versione   inglese   (il   cui   master   del- la   registrazione   orignale   è   andato   purtroppo   perduto)   accompagna   i   titoli   di   testa   del   film   Agen- te   3S3   -   Massacro   al   sole   di   Sergio   Sollima.   Altri   brani   editi   solo   in   terra   spagnola   sono   La   pri- mera   carta   de   amor   (La   prima   lettera   d’amore),   Yo   te   doy   las   graçias   (Voglio   dirti   grazie),   Una   chi- ca   simple   (Le   ragazze   semplici)   e   Butterfly.   Solo   per   il   mercato   francese,   troviamo   invece   le   ver- sioni   in   lingua   di   Io   potrei   (Je   voudrais)   e   Ritornerà   da   me   (Tu   reviendras).   I   grandi   successi   qui contenuti   sono   Quando   la   prima   stella   (Un   disco   per   l’estate   1966),   Ritorna   con   il   sole   (primo posto   al   Festival   di   Lugano   1966),   Io,   tu   e   le   rose   (Festival   di   Sanremo   1967),   Solo   tu   (Un   disco per   l’estate   1967),   Ritornerà   da   me   (Festivalbar   1967),   L’amore   è   blu   (L’amour   est   bleu   lanciata da   Vicky   Leandros   all’Eurofestival   ’67)   e   Tu   che   non   sorridi   mai   (Festival   di   Sanremo   1968).   Come nel   precedente   disco,   anche   qui   sono   presenti   delle   vere   e   proprie   rarità   mai   pubblicate   in   cd: Quando   partirai   (When   my   baby   cries,   successo   dell’inglese   Lesley   Duncan),   Un   incontro   come tanti,   Una   bambola   inutile   (cover   di   Sunny   girl   degli   Hep   Stars,   formazione   che   darà   poi   origine agli   Abba,   incisa   ad   Amburgo   con   l’orchestra   diretta   da   James   Last),   Quando   nella   notte,   Per   tut- to   il   bene   che   mi   vuoi   e   Amore   per   la   vita.   Infine,   ancora   due   inediti:   D’ora   in   poi   del   1967   e   ’Na musica doce dell’anno successivo.
Le   ore   del   sole/La   primera   carta   de   amor/Quando   la   prima   stella/Ritorna   con   il   sole/Quando   partirai/Un   incontro   come   tanti/Una bambola   inutile/Yo   te   doy   las   gracias/Una   chica   simple/Butterfly/D’ora   in   poi/Io,tu   e   le   rose/Quando   nella   notte/Solo   tu/Ritornerai   da me/Je voudras/L’amore è blu/Tu reviendras/Tu che non sorridi mai/Per tutto il bene che mi vuoi/’Na musica doce/Amore per la vita
Nel   terzo   cd   è   compreso   quello   che   per   certi   versi   è   stato   il   periodo   d’oro   dei   grandi successi   a   45   giri   e   che   va   dal   1968   al   1972.   Apre   la   serie   Non   illuderti   mai   (secondo posto   a   Un   disco   per   l’estate   1968),   seguono   Se   m’innamoro   di   un   ragazzo   come   te (Canzonissima    1968),    Quando    l’amore    diventa    poesia    (Festival    di    Sanremo    1969), L’altalena   (terzo   posto   a   Un   disco   per   l’estate   1969),   Che   t’importa   se   sei   stonato   (sigla della    trasmissione    radiofonica    Gran    varietà    1969),    Una    bambola    blu    (Canzonissima 1969),   Tipitipitì   (Festival   di   Sanremo   1970),   Fin   che   la   barca   va   (terzo   posto   a   Un   disco   per l’estate   1970),   Ah   l’amore   che   cos’è   (Canzonissima   1970),   Semplice   felicità   (sigla   della trasmissione   televisiva   La   cugina   Orietta   del   1970,   pubblicato   in   vinile   soltanto   due   anni dopo),   Via   dei   ciclamini   (finalista   a   Un   disco   per   l’estate   1971),   Ritorna   amore   (Mostra internazionale   di   musica   leggera   di   Venezia   1971),   Città   verde   (Canzonissima   1971)   e   Alla fine   della   strada   (del   1971,   incisa   anche   da   Tom   Jones   con   il   titolo   Love   me   tonight).   Tra   le perle   rare   mai   ristampate   in   cd   troviamo   Dove,   quando,   Se   ne   va,   L’ultimo   di   dicembre, Ma   ti   penso,   sai,   L’ora   giusta,   Te   l’ho   scritto   con   le   lacrime,   Di   giorno   in   giorno   e   La   cosa più bella (pubblicata solo nella musicassetta Stasera ti dico di no del 1972).
Non   illuderti   mai/Se   m’innamoro   di   un   ragazzo   come   te/Dove,quando/Quando   l’amore   diventa   poesia   /L’altalena/Che   t’importa   se   sei stonato/Una   bambola   blu/Se   ne   va/   Tipitipitì/Fin   che   la   barca   va/L’ultimo   di   dicembre/Ah   l’amore   che   cos’è/Ma   ti   penso   sai/Semplice felicità/L’ora   giusta/Te   l’ho   scritto   con   le   lacrime/Via   dei   ciclamini/Di   giorno   in   giorno/Ritorna   amore/Città   verde/Alla   fine   della strada/La cosa più bella
Stasera   ti   dico   di   no/La   vedova   Bianca/Carmen/Ancora   un   pò   con   sentimento/Per   scommessa/Eternamente/E   lui   pescava/L’orizzon- te/La   ballata   del   mondo/L’uomo   che   non   c’era/Noi   due   insieme/Colori   sbiaditi/Occhi   rossi/Per   questo   dissi   addio/La   vien   giù   dalle montagne/Il ritorno della pioggia/L’amoroso/Eppure ti amo/Vita della vita mia/La nostalgia/Il bel tempo/Donna come mai  
Il   periodo   compreso   tra   il   1972   e   il   1978   compone   il   quarto   cd   in   cui   troviamo   alcune   fra   le   sue più   belle   canzoni   d’amore:   Stasera   ti   dico   di   no   (secondo   posto   a   Un   disco   per   l’estate   1972), Ancora    un    po’    con    sentimento    (Mostra    internazionale    di    musica    leggera    di    Venezia    1972), Eternamente   (su   musiche   di   Charlie   Chaplin,   dal   film   Luci   della   ribalta),   E   lui   pescava   (finalista   a Canzonissima    1972),    La    ballata    del    mondo    (Un    disco    per    l’estate    1973),    Noi    due    insieme (finalista   a   Canzonissima   1973   e   per   la   prima   volta   in   cd   nella   versione   originale),   Occhi   rossi (tramonto   d’amore)   (terzo   posto   al   Festival   di   Sanremo   1974),   Il   ritmo   della   pioggia   (finalista   a Canzonissima   1974),   Eppure   ti   amo   (Un   disco   per   l’estate   1975),   La   nostalgia   (dal   film   I   nuovi mostri   del   1977)   e   Donna   come   mai   (ultimo   singolo   pubblicato   dalla   Polydor   nel   1978).   L’inedito La    vien    giù    dalle    montagne    rappresenta    il    periodo    folk    che,    in    questo    cofanetto,    è    stato volutamente    tralasciato    per    la    presenza    in    commercio    della    raccolta    Le    più    belle    canzoni popolari,   contenente   ben   38   canzoni.   Altri   brani   mai   rieditati   fino   ad   oggi   sono   La   vedova bianca,   Carmen,   Per   scommessa,   L’orizzonte   (un   bellissimo   pezzo   ingiustamente   relegato   a   lato b),   L’uomo   che   non   c’era,   Colori   sbiaditi   (con   l’orchestra   diretta   da   Augusto   Martelli),   Per   questo dissi    addio,    L’amoroso    (nella    prima    versione    originale    del    1974),    Vita    della    vita    mia    e    la struggente Il bel tempo.
Una   casa   per   il   mondo/Gira   e   va/Il   canto   del   sudore/La   luna   e   il   lupo/Il   violino   del   diavolo/Lo   specchio/Zingaro   biondo/Sulla   tua mano/I sogni/Oggi mi sposo/Giglio rosso/Ti desidero/Omar/Mamma di un angelo
La    ristampa    integrale    dell’album    Zingari…    (datato    1976),    occupa    il    quinto    ed    ultimo    cd. All’interno    della    copertina    originale    del    33    giri    era    riportata    la    seguente    didascalia    di presentazione:   “Perché   Orietta   Berti   canta   gli   zingari?   Perché   il   peregrinare   di   queste   tribù,   che arrivano   dall’oriente   per   spostarsi   verso   occidente   e   viceversa   in   obbedienza   alle   leggi   del nomadismo,   trova   proprio   in   Emilia   il   suo   costante   punto   di   riferimento.   Perché,   attorno   alla casa   che   vide   Orietta   bambina,   c’erano   sempre   accampamenti   e,   quindi,   voci   e   suoni   gitani,   dai colori    slavi,    magiari    o    andalusi,    o    addirittura    armeni.    Perché    Orietta    Berti    è    cantante    di estrazione    e    sensibilità    popolare    e    le    canzoni    degli    zingari    sono    una    delle    più    genuine componenti   del   folklore.   Questo   microsolco   costituisce,   quindi,   una   valida   testimonianza   di antiche   civiltà   racchiuse   in   usanze   e   costumi   che   si   ripetono   immutati   ai   nostri   tempi,   ma   anche l’affettuoso    ritorno    all’infanzia    ed    all’adolescenza    di    un’artista    sensibile    ed    attenta.    Felice appuntamento   per   la   realizzazione   di   un’opera   discografica,   prima   nel   suo   genere,   che   vuole essere   un   ulteriore   contributo   di   Orietta   Berti   al   canto   popolare   dato   con   severità   di   ricerca   e rigore   professionale   ineguagliabile.   I   testi,   che   sono   tutti   di   Luciano   Beretta,   ritrascrivono   in linguaggio    semplice,    antiche    storie    zigane;    le    musiche,    raccolte    da    Mario    Battaini    e    Vanni Moretto,   sono   la   risultante   di   anni   di   indagine   accurata   e   puntigliosa.   Si   tratta   di   espressioni musicali giunte sino a noi da tempi lontanissimi.”
IL LIBRETTO INTERNO
ALCUNE CURIOSITA’
Tre prove inedite per la copertina della confezione esterna.
Cinque copertine provvisorie per le buste interne, poi sostituite.
Il progetto originale della confezione esterna.
Il progetto originale delle label dei cd.
Promozionale per la campagna pubblicitaria, rimasto inedito.